Corsi di FotografiaIl Giovedì FotograficoWorkshop

Serata pratica Fotografia Macro – Il Giovedì Fotografico

Pubblicato il

Durante uno dei nostri appuntamenti de “Il Giovedì Fotografico” abbiamo allestito all’interno della nostra sede diversi mini-set per far esercitare i nostri soci a fare pratica con la difficile tecnica della Fotografia Macro.

I set allestiti prevedevano quattro postazioni per la fotografia Macro di piccoli oggetti e fiori e un set con gocciolatore Pluto Trigger per la fotografia delle gocce d’acqua ad alta velocità, utilizzando un elettrovalvola comandata a distanza e un flash.

Molti degli oggetti fotografati facevano parte della mostra “Mechanica” di cui abbiamo avuto la gentile concessione dalla Società Operaia di Cascina ad effettuare gli scatti.

A disposizione dei soci c’erano due obiettivi specifici per la Macro: un Sigma 105mm f2.8 per Canon e un Nikon 105mm f2.8

Per tanti di loro era il primo approccio in assoluto alla fotografia macro e, dopo aver fotografato i soggetti ad altissimo ingrandimento, usando gli obiettivi a disposizione, lo stupore è stato tantissimo quando hanno guardato il risultato nel display della fotocamera.

Che significa macro? Dal punto di vista tecnico un obiettivo che viene marchiato come macro significa che permette di avvicinarti ai soggetti a tal punto che ci sia un rapporto 1:1 tra il soggetto fotografato e la dimensione dello stesso proiettata sul sensore.
Un rapporto 1:1 significa che se inquadri un insetto delle dimensioni di 1 cm questo sarà proiettato sul sensore esattamente nella dimensione di 1 cm. Se dal punto di vista teorico questa cosa non ti dice molto, in realtà significa che puoi avere un dettaglio enorme dei particolari fotografati

Il bello della fotografia macro è che puoi fotografare di tutto.
Se ti capita, magari durante una giornata fredda o piovosa, e non hai voglia di uscire a far foto, potresti sfruttare questo momento per guardarti attorno. Individua qualche oggetto interessante che hai a casa; prendilo e posizionalo su un set improvvisato e comincia a fare qualche macro ricercando prospettive ed inquadrature inconsuete.
Anche una semplice tazza di caffè può diventare fonte di ispirazione per tirarci fuori dei particolari che nemmeno immaginavi che potessero esserci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *