Uscite FotograficheWorkshop

WORKSHOP ASTROFOTOGRAFIA # 3 : LA LUNA

Pubblicato il

Workshop GRATUITO di Fotografia Astronomica PARTE 3: LA LUNA

Proseguono i workshop di astrofotografia della stagione 2019.
Per la terza edizione andiamo a fotografare il nostro satellite: LA LUNA, in occasione del suo massimo splendore di luminosità.

Il workshop è organizzato in collaborazione all’Associazione Astrofili Cascinesi, che metterano a disposizione due telescopi per l’osservazione, al quale potremo agganciare le nostre reflex e scattare fotografie!

WORKSHOP GRATUITO riservato ai soli dell’Associazione Fotografica Photo Experience

In caso di maltempo o di cielo coperto il workshop sarà rimandato a data da destinarsi.

MAX 15 PARTECIPANTI
Per informazioni ed iscrizioni: [email protected]
whatsapp 3713965718

 

La Luna è un satellite naturale, l’unico della Terra. Il suo nome proprio viene talvolta utilizzato, per antonomasia e con l’iniziale minuscola («una luna»), come sinonimo di satellite anche per i corpi celesti che orbitano attorno ad altri pianeti.

Orbita a una distanza media di circa 384 400 km dalla Terra, sufficientemente vicina da essere osservabile a occhio nudo, il che rende possibile distinguerne alcuni rilievi sulla superficie. Essendo in rotazione sincrona rivolge sempre la stessa faccia verso la Terra e il suo lato nascosto è rimasto sconosciuto fino al periodo delle esplorazioni spaziali.

Durante il suo moto orbitale, il diverso aspetto causato dall’orientazione rispetto al Sole genera delle fasi chiaramente visibili e che hanno influenzato il comportamento dell’uomo fin dall’antichità. Impersonata dai greci nella dea Selene[5], fu da tempo remoto considerata influente sui raccolti, le carestie e la fertilità. Condiziona la vita sulla Terra di molte specie viventi[6], regolandone il ciclo riproduttivo e i periodi di caccia; agisce sulle maree e la stabilità dell’asse di rotazione terrestre.

Si pensa che la Luna si sia formata 4,5 miliardi di anni fa, non molto tempo dopo la nascita della Terra. Esistono diverse teorie riguardo alla sua formazione; la più accreditata è che si sia formata dall’aggregazione dei detriti rimasti in orbita dopo la collisione tra la Terra e un oggetto delle dimensioni di Marte chiamato Theia.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *